venerdì 3 ottobre 2014

Vuoto


[fonte

Publio Quinto Marcello
colla destra slacciò
il paludamento e vide
mozzato l’avambraccio
un giorno all'indietro
dal barbaro lesto.
Resse pur lo scudo,
la mano fantasma
ruppe mascelle e coppe
sollevò l’indomani,
poi scrisse mancino
che il vuoto contiene.

Share

1 commento:

Paolo nullo Pedone ha detto...

Non è così che vuole, l'accadere, per essere davvero un accadere?