giovedì 29 dicembre 2016

Cacciatori




Sai dei cacciatori
d'aquiloni a Kabul?
A terra li catturi,
di diritto li possiedi,
se maestro recidi
- abile il filo avviluppi
con l'evoluzioni -
di ritenuta il cavo
del manovratore.

Ugualmente agivo,
civettoso a volteggiare,
con picchiate turbinose
cadendo e immobile,
fisso e altèro, grazie
all'equilibrio di trazione,
per acchiappare i sogni 
tuoi m'incapricciavo
ad imitare Hassan.

Affrancati, vedo,
i sogni fremono,
il desìo li trattiene;
non orbitano stolidi
intorno al capo e l'unico
senso loro l'olfatto è: 

sentono essi verace 
di valanghe lo smaniare,
per cui fondono in uno.
L'identità perdono

fra genere uguale.

Share

sabato 10 dicembre 2016

Prealpi




La camola dura,
sotto una spanna
la merla pensosa,
al sonno algente
scavalca la bruma,
attende i favori
caldi del Toro
nella rizosfera
e sarà maggiolino,
ma l'alito è ora
dalla Valcava
un gelo di brina,
l'ombra perenne
delle prealpi
sull'orto dimora.

Share

lunedì 5 dicembre 2016

Menzogne




La matita delebile,
che lo è all’incirca,
un “oggetto quasi”,
si scopre ci lasci
volontaria traccia
dell’agire umano
perché copiativa,
ed altera l’abrasione
la scheda, rinchiusi,
raccolti nella cabina,
laddove il secolo
scorso Dio solo
vedeva finché
a sbirciare s’unì
sornione anche Iosif.

sabato 3 dicembre 2016

mercoledì 30 novembre 2016

Tre critiche al gusto




Il gusto è la frontiera,
patita e presidiata,
di là s’affaccia vigile,
famelico, il terrore.
Non lo perscrutarono
i rotondi Papi antichi
e d’orrore per gl’ortaggi,
in ispecie se bolliti,
anonimi già crudi,
per natura scipiti
(s’aggrega la paura
nei cristalli gottosi),
perdurando trapassati,
oggi latrano carponi
dalla piova inzuppati
e caduti fra i golosi.

***

Il gusto è la cecaggine,
un sermone gesuita.
Della dannazione
il timore s’accende,
per vuoto di perizia
nei midolli di Stephen,
come gas fuso a mercurio
nelle lampade di Tesla;
Bloom è il salvatore,
antieroe noi lo si legge
nonostante di rigaglie
e di rognoni irlandesi
quell’uomo non disdegni.

***

Il gusto è torcere
altronde la visione,
dall’intima e nostra
rivolta completa,
la giravolta totale
dell’anima secondo
il divino Platone.
L’uomo s’imbeve
d’aromi e l’intelletto,
a modo dell’occhio
distolto dal buio
e teso all’oggetto
di naturale languore,
alfine c’impressiona:
dell’orizzonte vede
tutto il lume del sapore.

Share

Wunderkammer su Paroledichina




E' on line la recensione di Wunderkammer, su Paroledichina.
Grazie infinite a Simone Pasini e Ferdinando Dagostino. 

domenica 13 novembre 2016

Creolo



Che respiri chiuso
e misto a Dio,
nelle scarnificate
linee costrette
delle chiese anglicane?
L’odore dei legni
duri e del mordente
scuro il pizzicare,
alcuni rudimenti
di statica e polveri
d’attrito delle rette
incidenti ed incastrate,
d’un solido il suggere
a tender la struttura
il Divino, le suppliche
nel piccolo esperanto
del creolo volte
a Cristo e Santeria.

Share

lunedì 7 novembre 2016

Pellegrini








Le creature discrete
si flagellano il moto,
remano nel pabulo
e cigliate appaiono
come piccole galere
di gelatina industre.
Picchiettano la roccia,
vi affondano intangibili,
dentro pittori la striano,
sono laici pellegrini
e alcuni s’aprono
nei formaggi venature
del verde acqua mirato
giammai nelle spiagge
foreste, ma tutte vive
sovente la morte abitano;
fermentano, germinano
grigie le lanute praterie
che ne velano il riciclo.

mercoledì 2 novembre 2016

Ciprie



Ora la prima serra
orologio di Linneo
e la mente finissima
di Darwin, la sua lettera,
umile nel domandare i semi 
(sempreché non voglia condurre
Todd l'esperimento da solo),
tutte sono ciprie ataviche,
antiche e s'inalano,
sino spirano nei ditteri,
traverso i loro pori:
sono gli atomi strappati
dalla luce alle cose.

l'esperimento da solo: da Charles Darwin a James Edward Todd, 10 aprile 1882.

Share

lunedì 31 ottobre 2016

A Guido



Guy, d’ora in poi
si frammette l’arcano,
la soglia, i metasensi:
tu m’orecchi? Io ti scorgo?
Il dì del rintoppo,
allorché ci s’annusa,
impalpabili cani,
pelagici e spettri,
soffi e compagnoni
della sovraventura,
come Lucrezio gabbato
dal fiume s’avrà scienza,
l’età e la vista per capire
se avanza il destriere
o l’acqua è a fluire.

Share