martedì 29 gennaio 2013

Rozzi interrogativi intorno al tempo


A marzo dello scorso anno ho passato tre settimane estenuanti: mio padre è stato operato (tutto si è concluso bene), mentre, nel frattempo, l'imbianchino stava lavorando a casa mia (quindi, nell'andirivieni da e per l'ospedale ho anche svuotato l'appartamento e poi l'ho riempito nuovamente), poi, per ignote cagioni, forse acrivibili a doglianze degli astri (cioè lo stress, per gli umani) e a bambini infetti e infettivi, mi sono svegliato tempestato di papule: la temuta varicella dell'adulto.
Ho riflettuto perciò sul tempo,o meglio sul viaggiare nel tempo, vagheggiando la possibilità, essendone a conoscenza, di saltare pié pari quelle tre settimane di tormenti.
Premesso che, a mio modesto avviso, non è possibile andare a ritroso nel tempo; ciò che è teroicamente fattibile è avanzare. 
Ordunque: se Carlo con la varicella di proiettasse in avanti di due settimane, diverrebbe Carlo guarito (o peggiorato), oppure Carlo sarebbe più vecchio di tre settimane con la varicella al medesimo stadio, oppure (e infine), sarebbe l'esatta fotografia del Carlo all'istante del salto temporale? 
Tutti questi interrogativi non mi lasciano in pace, sono come le "informazioni di Vincent", che mi orbitano intorno, ma non mi danno alcuna spiegazione.
Questo mio rodere mi ha permesso di ripescare una poesiuola dialettale che scrissi anni fa, che ripropongo:

Ul temp

Ul temp
sò no se l'è,
ma el vedi scapà via.

Disen i studius
che l'è propri
l'uruloch del munt;
i bastian cuntrari
disen che 'l gh'è no:
che l'è tuta fantasia.

Mi legi i lur matat,
e me se tiri mat;
ma mi el sò no se l'è,
el vedi scapà via.     
 
Share

Nessun commento: