mercoledì 30 novembre 2016

Tre critiche al gusto




Il gusto è la frontiera,
patita e presidiata,
di là s’affaccia vigile,
famelico, il terrore.
Non lo perscrutarono
i rotondi Papi antichi
e d’orrore per gl’ortaggi,
in ispecie se bolliti,
anonimi già crudi,
per natura scipiti
(s’aggrega la paura
nei cristalli gottosi),
perdurando trapassati,
oggi latrano carponi
dalla piova inzuppati
e caduti fra i golosi.

***

Il gusto è la cecaggine,
un sermone gesuita.
Della dannazione
il timore s’accende,
per vuoto di perizia
nei midolli di Stephen,
come gas fuso a mercurio
nelle lampade di Tesla;
Bloom è il salvatore,
antieroe noi lo si legge
nonostante di rigaglie
e di rognoni irlandesi
quell’uomo non disdegni.

***

Il gusto è torcere
altronde la visione,
dall’intima e nostra
rivolta completa,
la giravolta totale
dell’anima secondo
il divino Platone.
L’uomo s’imbeve
d’aromi e l’intelletto,
a modo dell’occhio
distolto dal buio
e teso all’oggetto
di naturale languore,
alfine c’impressiona:
dell’orizzonte vede
tutto il lume del sapore.

Share

2 commenti:

tentare, nuoce ha detto...

La scimmiaglabra—la s'inventa gli dèi, gli arnesi ch'essa adopra a far paura—ma che bell'animale quando ingozza, quando manicaretta cibo e palazzi e templi e un'arte—cosiddetta—tutt'attorno, al sentirsi padrone in accorgendosi che nulla proprio nulla dell'intorno è da capire

Carlo ha detto...

e' un piacere infinito leggere commenti come questo, grazie!